Gela, si fingeva galoppino ma svaligiava case

GELA. A Gela, dove si è votato, domenica scorsa un "topo d' appartamento" aveva tappezzato il suo autofurgone con manifesti di candidati. In questo modo Gianfranco Turco, 36 anni, che si spacciava per galoppino elettorale, pensava di non destare sospetti ma è stato scoperto e arrestato dalla polizia. Il furgone fermo davanti a qualche edificio non destava sospetti mentre lui ne svaligiava gli appartamenti. Ma alla vigilia delle elezioni, in via Recanati, nel quartiere "Fondo Ventura", una donna lo ha visto prelevare strani ferri dal furgone e infilarsi nel portone di una palazzina i cui proprietari erano appena usciti. Una telefonata alla polizia ed è scattato l'allarme. L'uomo è stato catturato dopo un breve inseguimento: aveva tentato la fuga con quel suo  mezzo coperto di fac-simili e di manifesti elettorali. Dovrà rispondere di tentato furto aggravato. Per non turbare le elezioni, la polizia ha reso noti solo oggi i particolari della vicenda.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati