Palermo, trans condannato per estorsione

Due anni a Monica Camilla Perez accusato di aver chiesto denaro a un uomo per inserirlo in un giro di prostituzione

PALERMO. Il gup di Palermo Sergio Ziino ha condannato a 2 anni Monica Camilla Perez per estorsione. Secondo l'accusa, che aveva chiesto 4 anni, il transessuale gestiva un giro di prostituzione in vari luoghi della città: via Libertà, piazza sant'Oliva, via Lincoln.
A incastrare il trans, assistita dall'avvocato Anthony De Lisi, è stato Valery Di Liberto giunto da poco a Palermo dall'Ucraina. Valery si è infatti recato alla polizia denunciando la richiesta di mille euro che gli era stata fatta da Perez per inserirlo nel giro della prostituzione.    
Una sera, quando i due si sono visti, Valery ha consegnato a Perez un 'acconto' di cento euro, ma le banconote, precedentemente fotocopiate e registrate dai militari, hanno permesso di cogliere in flagranza di reato il trans, arrestato a gennaio.  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati