Sicilia, negozi aperti di sera e nei festivi in altri 140 Comuni

Via libera della regione. Gli orari liberalizzati da oggi fino al 30 settembre. Accolte tutte le istanze presentate dai sindaci nei mesi scorsi

PALERMO. Firmato il decreto, si allunga l’elenco dei Comuni siciliani in cui per tutta l’estate potrà essere liberalizzato l’orario di apertura dei negozi. L’assessore alle Attività produttive, Marco Venturi, ha completato la procedura di competenza della Regione aggiungendo 140 Comuni all’elenco in vigore dal 2008. Accolte così tutte le istanze presentate nei mesi scorsi dai sindaci.
In base al provvedimento di Venturi, i 171 Comuni - definiti a economia prevalentemente turistica o città d’arte - potranno derogare ai tradizionali orari di apertura (prolungando evidentemente l’attività nelle ore notturne) e decidere di far lavorare gli esercizi commerciali anche il sabato, la domenica e i giorni festivi. Il tutto nel periodo compreso fra l’1 giugno e il 30 settembre. Spetterà ora ai sindaci individuare precisamente i nuovi orari, territorio per territorio, sentite le organizzazioni di categoria.
Fra le nuove città inserite nel provvedimento di Venturi figurano Catania, Enna, Messina, Ragusa e Siracusa. Fra quelle precedentemente autorizzate c’era già Trapani. Non c’è invece - nè nel primo nè nel secondo elenco - Palermo: il Comune non ha fatto in tempo a inoltrare la richiesta alla Regione.  La seconda parte dell’articolo sul Giornale di Sicilia oggi in edicola (mercoledì 2 giugno 2010)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati