Trasporti, Caltanissetta la città più cara d’Italia

Confartigianato ha calcolato i costi medi, dalla benzina alla manutenzione. La Sicilia seconda per aumento dei prezzi

ROMA. Muoversi e viaggiare, a Caltanissetta, costa l'8,4% in più rispetto allo scorso anno: ad Aosta, invece, l'aumento ammonta a meno della metà, appena il 4%. A fare i conti del bilancio trasporti delle famiglie italiane è la Confartigianato, che mette insieme tutte le voci, vale a dire aerei e treni, ma anche l'acquisto dell'auto, la manutenzione e il carburante.
Ad aprile scorso, dice lo studio, l'aumento medio nazionale é stato del 5,5% rispetto allo stesso mese del 2009, ma le differenze da regione a regione e da città a città sono rilevanti: il primato regionale spetta al Friuli Venezia Giulia (+6,6%), seguito dalla Sicilia (+6,3%) e dal Piemonte (+6,1%). A livello provinciale, invece, svetta appunto Caltanissetta, seguita da Pordenone (+7,9%) e da Trapani (+7,6%). Le grandi città si piazzano invece molto in basso in classifica: a Roma si spende il 4,1% in più rispetto allo scorso anno e a Milano il 5,1% in più. Prezzi al rallentatore, infine, ad Aosta, con un aumento del 4%.
Tra Caltanissetta e Aosta, dunque, ci sono 4,4 punti di tasso di crescita: il maggiore tasso di inflazione del capitolo determina quindi, su base annua, una maggiore spesa di 192 euro per una famiglia della città siciliana rispetto a una del capoluogo della Val d'Aosta.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati