Discarica abusiva a Enna: "E' in mano alla mafia"

I carabinieri hanno individuato un'area di 30 mila metri quadrati con rifiuti speciali e pericolosi. Denunciata la proprietaria de terreno e due imprenditori ritenuti vicini ad ambienti della criminalità

ENNA. Lo stoccaggio abusivo di rifiuti pericolosi in mano alla mafia. E' l'ipotesi dei carabinieri, che a Enna, nelle vicinanze dell'ospedale Umberto I e a poche centinaia di metri dall'abitato di Enna Bassa, hanno sequestrato una discarica abusiva di 30 mila metri quadri, con grandi quantità di rifiuti speciali e pericolosi.
Il sequestro è stato effettuato dai militari del nucleo investigativo del comando provinciale dei carabinieri, insieme ai colleghi del nucleo ecologico di Palermo. Denunciata la proprietaria del terreno e due suoi familiari, imprenditori del settore movimento terra, secondo gli inquirenti vicini ad ambienti mafiosi. I carabinieri hanno fermato un motocarro che stava scaricando rifiuti speciali pericolosi. Nei cumuli di rifiuti, alti anche 30 metri, è stato trovato di tutto: elettrodomestici, bitume, carcasse di veicoli, vetro, lastre di amianto e rottami ferrosi. La discarica sarebbe attiva da diversi anni.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati