Precari, Barone: "Situazione inaccettabile"

PALERMO. “I dipendenti della Regione sono già stati penalizzati per il mancato rinnovo dei contratti pregressi da parte della Regione. Ci sembra inaccettabile, quindi, che oggi si invochi il blocco nazionale di quelli futuri, per continuare a non dare nulla”. Lo dice Claudio Barone, segretario regionale della Uil Sicilia, che aggiunge: “Chiediamo all'assessore Chinnici un incontro urgente per impegnarLa ad onorare gli obblighi contrattuali, possibili da rispettare. I lavoratori non possono pagare il conto due volte, sia per il blocco nazionale di oggi, sia per le inadempienze regionali di ieri”. E Barone continua: “ Anche sui precari occorre fare chiarezza. Non è accettabile il gioco dello scaricabarile. Se non si superassero gli effetti della decisione del commissario dello stato sui precari dei comuni siciliani, tramite una deroga nazionale per la sola Sicilia, la Regione non potrebbe sfuggire al dovere di trovare soluzioni alternative. Se si fosse tenuto  conto del protocollo firmato con le organizzazioni sindacali lo scorso anno – conclude Barone – non ci troveremmo in questa drammatica situazione. Chiediamo quindi impegni concreti per superare questa emergenza ma anche la ripresa di un confronto per trovare soluzioni che rendano meno precario l'utilizzo di questi lavoratori”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati