Lunedì, 26 Giugno 2017

Pasta: la lista di chi pagava il pizzo a Palermo

Il pentito fa i nomi dei negozianti nel mirino del racket gestito dagli uomini del clan di Resuttana arrestati martedì dai carabinieri

PALERMO. Il panificio dell’ex calciatore del Palermo Tanino Vasari, il bar Oriol, i negozi di abbigliamento dei fratelli Schillaci, ma sono tante, secondo quanto dichiarato dal pentito Manuel Pasta, le attività commerciali taglieggiate da Diego Ciulla, Marcello Campagna, Massimo Di Fiore e Pietro Pipitone, arrestati dai carabinieri martedì scorso. Si parla del Bowling di viale Strasburgo, di Bagagli e di Dolcissimo.
Gli altri negozianti finiti nel mirino del racket e il racconto drammatico dei fratelli Schillaci sul Giornale di Sicilia in edicola oggi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook