Alt ai precari, Leanza: "Mi dimetto se non interviene lo Stato"

A rischio 22.500 lavoratori, molti da oltre vent'anni in servizio negli enti locali della Sicilia. L'assessore lancia l'ultimatum

CATANIA. A rischio presente e futuro di 22.500 "precari storici" molti da oltre vent'anni in servizio negli enti locali dell'Isola. "Il governo nazionale oggi nega quella deroga al Patto di stabilità che ha concesso nel passato triennio, ora devono scendere in piazza la politica e le istituzioni, i parlamentari e i sindaci", ha affermato ieri a Catania, l'assessore regionale al Lavoro, Lino Leanza, incontrando nella sede di rappresentanza della Presidenza i sindacati. A loro ma anche a sindaci e presidenti di Provincia, Leanza ha dato appuntamento "il 3 giugno a Palermo per un incontro con il presidente Raffaele Lombardo perché lui si faccia carico di questo problema e lo faccia diventare una priorità". Seduto a fianco del presidente della commissione Lavoro dell'Ars, l'Udc Fausto Fagone, Leanza s'è peraltro detto "disponibile a rimettere il mandato, se cio potrà servire a un'azione forte". "Non ha senso - ha detto - fare l'assessore al Lavoro e alle Politiche sociale se, poi, perdi così 22.500 posti".
Il resto dell'articolo sul Giornale di Sicilia in edicola oggi (25 maggio 2010).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati