A Palermo soltanto film di mafia

Ma possibile che Palermo sia sempre e solo set di mafia? A Roma hanno girato I Cesaroni, dando un immagine del vivere quotidiano a Roma. A Napoli adesso hanno finito di girare la Famiglia Gambardella, una sorta di Cesaroni alla napoletana. In la Famiglia Gambardella non si parlerà di camorra, di affari camorristici, di collusioni e pure a Napoli la camorra c’è e si fa sentire.
Invece la città di Palermo è un set permanente di film di mafia, come se a Palermo esistesse solo la mafia, non ci fosse la gente che la sera va a teatro, che ha problemi con gli esami all’Università, non freme per una squadra di calcio (il Palermo), non ci fossero gli amori, le passione, problemi adolescenziali, problemi di gravidanze in giovani, i vicoli dei mercati popolari. No, a Palermo tutto quesito non accade. Palermo  secondo i nostri cineasti, sceneggiatori, soggettisti, è solo mafia.
Io spero che il Comune e tutti i parlamentari palermitani dicano basta a questo vergognoso, sciacallaggio cinematografico su Palermo città di mafia. Palermo è città d’arte e mare, porto, pasticceria, vicoli fatti da un popolo allegro e folcloristico, da ragazzi universitari e disoccupati, da teatri lirici favolosi, da vie che costeggiano il mare. Palermo non è certo fatta  solo da mafiosi.

Massimo Marra

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati