Mafia, quattro arresti a Lentini

Si tratta di Giuseppe Pistritto, Alessandro Scandurra, Giuseppe Giampapa e Vincenzo Piazza. Farebbero parte del clan Nardo e sarebbero coinvolti in un omicidio e due tentativi nei confronti di rivali della cosca

LENTINI. Provvedimenti restrittivi nei confronti di quattro presunti esponenti del clan mafioso Nardo di Lentini, collegato alla "famiglia" Santapaola di Catania, sono stati eseguiti da carabinieri del comando provinciale di Siracusa nell'ambito di inchieste su un omicidio e due tentativi di omicidio nei confronti di rivali della cosca. Militari dell'arma hanno arrestato Giuseppe Pistritto, di 58 anni, indagato solo per estorsioni a imprenditori siracusani; notificato in carcere, dove erano già detenuti, il provvedimento del Gip di Catania a Alessandro Scandurra, di 39 anni, e a Giuseppe Giampapa, di 57; e eseguiti gli arresti domiciliari per il pentito Vincenzo Piazza, di 49 anni. Secondo le accuse mosse dalla Dda della Procura di Catania, il pentito e Giampapa, assieme a due sicari a loro volta successivamente uccisi, avrebbero avuto un ruolo nell'assassinio di Francesco Corso, avvenuto a Agusta nel luglio del 1989, eliminato perché ostacolava il piano di espansione del clan Nardo. Per lo stesso motivo la cosca avrebbe tentato di uccidere due volte, nel novembre del 1992 e nell'aprile dell'anno successivo, Angelo Marino. L'operazione dei carabinieri è il seguito della vasta inchiesta Gorgia della Dda della Procura di Catania che ha portato, complessivamente, all'arresto di 42 presunti appartenenti al clan Nardo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati