Catania, trovato telefonino nella cella di un pentito

E' successo nella casa circondariale Bicocca. Il cellulare era perfettamente funzionante. Sarebbe arrivato nelle mani del collaboratore di giustizia durante i colloqui

CATANIA. Un telefonino cellulare, fornito di sim e perfettamente funzionante, è stato trovato nella cella di un collaboratore di giustizia detenuto nel carcere di massima sicurezza di Bicocca a Catania. Lo rende noto il vice segretario dell'Organizzazione sindacale autonoma polizia penitenziaria, Domenico Nicotra. Il rappresentante sindacale riferisce anche che "secondo le prime indiscrezioni il detenuto avrebbe fornito i dettagli dell'ingresso in carcere del telefonino che potrebbe aver valicato i cancelli dell'istituto tramite i colloqui" che "al momento nessun agente è coinvolto nell'inchiesta". "Il ritrovamento di oggi - commenta Nicotra - sottolinea ancora una volta come la carenza di personale possa mettere a serio rischio la sicurezza ed il controllo negli istituti penitenziari siciliani. Abbiamo più volte segnalato i casi-limite delle carceri siciliani, anche in sede nazionale. Il personale in servizio a Catania-Bicocca sta facendo il massimo per evitare il peggio ma, continuando così, è facile ipotizzare la capitolazione dell'intero sistema". "Il ritrovamento di stamattina, avvenuto grazie ad una perquisizione straordinaria voluta dal comandante - conclude il vice segretario dell'Osapp - non fa che evidenziare i dubbi espressi e sottolineare la professionalità della polizia penitenziaria che opera in condizioni difficilissime".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati