Amat, un sms per pagare il biglietto

L'azienda palermitana farà partire la sperimentazione da questo mese. Il presidente Bellavista: "Prossima fase coinvolgerà anche i parcheggi"

PALERMO. Il biglietto dell’autobus si potrà pagare con un sms. Da questo mese parte la sperimentazione di un progetto che utilizza il canale della telefonia mobile per il pagamento del titolo di viaggio. Il sistema è molto semplice e sarà testato da un centinaio di utenti abitudinali. Ad ognuno di loro sarà consegnata una card numerata, che funge da borsellino elettronico ricaricabile gestito con modalità a deconto, con accreditati gratuitamente12 euro, il corrispettivo di 10 biglietti ordinari. Al momento di salire a bordo del bus, il cliente dovrà chiamare dal suo telefonino un numero gratuito che risulterà occupato. Nell’arco di qualche secondo, il sistema invierà un sms all’apparecchio dell’utente per attestare il pagamento del biglietto e comunicare il credito residuo. La verifica dell’avvenuto pagamento, da parte del personale Amat, avverrà mediante il controllo incrociato dei dati riportati sulla card e sull’sms. La sperimentazione partirà la prossima settimana, durerà un mese e non comporterà alcun costo per l’azienda. Grazie alla collaborazione tra l’azienda, Mobilita Palermo e Rosalio, due blog palermitani, saranno selezionate e raccolte 100 adesioni di clienti abitudinali per la partecipare al progetto pilota. “C’è grande entusiasmo per questa sperimentazione che ci avvicina ai metodi di pagamento dei biglietti diffusi in Europa e in alcune metropoli italiane – afferma Mario Bellavista, presidente dell’Amat -. Gli utenti che utilizzeranno questa promozione, completamente gratuita per l’azienda  e per il cliente, ci forniranno le indicazioni per misurare il gradimento del servizio. Il progetto sarà esteso in una seconda fase anche al pagamento dei parcheggi”. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati