Messina, si fingono impiegate postali e rubano 50 mila euro ad anziane

Ai domiciliari, con l'accusa di furto, sono finite Giuseppa Crescimone, Caterina Di Giovanni e Francesca Scalora Rasizzi: avrebbero raggirato due donne di Saponara

SAPONARA. Si spacciavano per impiegate delle poste o per parenti di anziane e le derubavano, ma sono state arrestate dai carabinieri di Messina in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare. Ai domiciliari, con l'accusa di furto, sono finite Giuseppa Crescimone, 61 anni, Caterina Di Giovanni, 41 anni, e Francesca Scalora Rasizzi, 24 anni: avrebbero rubato a due anziane di Saponara (Me) circa 50 mila euro.
Le indagate in un caso sono entrate nella casa di una donna di 80 anni, spacciandosi per dipendenti delle poste che dovevano verificare dei documenti, e in un secondo caso si sono introdotte nell'abitazione di una signora di 92 anni affermando di essere delle parenti. In entrambe le occasioni hanno distratto le anziane rubando loro i risparmi, che custodivano in casa in contanti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati