Cemento impoverito, la Cassazione: l’ospedale di Agrigento resta sequestrato

La Suprema corte: vizi nella motivazione perché non è stata esaminata la complessiva documentazione della difesa

AGRIGENTO. Vizi nella motivazione perché non è stata esaminata la complessiva documentazione della difesa: per questo la seconda sezione penale della Cassazione ha annullato con rinvio il provvedimento con il quale il Tribunale del Riesame aveva rigettato la richiesta di dissequestro dell'ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento. La sentenza della Suprema Corte era stata resa nota il 24 aprile scorso, oggi si è appresa la motivazione della decisione dei giudici.
La richiesta era stata avanzata dagli avvocati difensori di tre dei 21 indagati nell'inchiesta della Procura di Agrigento sul presunto utilizzo di calcestruzzo depotenziato nella realizzazione dell'immobile di contrada Consolida.
L'ospedale di Agrigento resta sequestrato, provvedimento che é in atto dal luglio del 2009, in attesa di una nuova valutazione del Tribunale del riesame.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati