Nasce la "dichiarazione di Palermo", un'intesa tra 21 paesi

PALERMO. La nuova intesa tra 51 istituzioni di 21 paesi del Mediterraneo è stata appena varata a Palazzo Abatellis e battezzata dal Presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, con il nome di "dichiarazione di Palermo". Nel giorno in cui ricorre il 64/mo anniversario dello Statuto Autonomista siciliano, nel capoluogo dell'Isola è stato approvato un testo che avvia la cooperazione tra i paesi firmatari in alcuni settori ben individuati: ambiente, energia, trasporti, turismo, ricerca e agricoltura. La nascita di questo cartello, che dà vita al Gruppo europeo di cooperazione territoriale (Gect) "conduce all'integrazione politica in alcuni specifici campi - ha detto Lombardo chiudendo i lavori - piuttosto che fare a gara per non portare niente a casa, bisogna produrre di più all'interno di quest'area, con spirito di cooperazione, per fare in modo che le nostre attività abbiano una ricaduta nell'area". "E' arrivato il momento - ha concluso Lombardo - di tornare alla vocazione della nostra storia. I Paesi del Mediterraneo non devono più guardare verso Nord ma verso ciò che sta attorno a noi".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati