Moratti: a Siena sarà dura come a Madrid

Il presidente dell'Inter in attesa del match di domani che vale lo scudetto: "Preoccupato per il clima, spero che i miei giocatori siano concentrati"

MILANO. Aspettando la finale Champions del 22 maggio a Madrid, il presidente del'Inter Massimo Moratti mette in guardia dalla trasferta a Siena, che può consegnare ai nerazzurri il quinto scudetto consecutivo. Prima della sfida con il Bayern "c'è Siena e mi rendo conto che per l'ambiente - dice in un'intervista alla Gazzetta dello Sport - è un traguardo che sparisce nei confronti dell'altro... E allora sono preoccupato dall'idea che questo clima contagi la squadra: come faranno i giocatori a concentrarsi per bene... E' davvero dura quest'ultima tappa, spero che i miei lo abbiano capito".
Che i toscani siano già retrocessi e si trovino davanti il suo squadrone non tranquillizza Moratti: "Ci sono state tante Inter piene di giocatori fortissimi che poi non hanno vinto". Come uomo del gol-scudetto, Moratti sceglie Zanetti "perché è il capitano, quindi rappresenta il gruppo", ma anche perché "è il più anziano, anche se nessuno se ne accorge. Riesce a migliorare ogni anno che passa".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati