Fragalà, i colleghi rivelano: "Pedinato dalla mafia"

La vicenda è stata raccontata agli investigatori in questi giorni da tre avvocati vicini al penalista ucciso il 23 febbraio scorso a Palermo

Sicilia, Cronaca

PALERMO. Fu seguito fin sotto lo studio alla fine di un’udienza. Una vicenda raccontata in questi giorni agli investigatori da parte di tre avvocati, tre colleghi di studio di Enzo Fragalà, il legale palermitano aggredito e ucciso il 23 febbraio scorso a pochi passi dal suo studio.
I legali hanno raccontato la vicenda, che risale al 2007, quando tre componenti della famiglia Lo Forte di Lercara Friddi pedinarono l’avvocato con i colleghi alla fine di una udienza. E proprio la faida familiare di Lercara Friddi fra i D’Amore (difesi da Fragalà) e i Lo Forte è al centro dell’attenzione degli investigatori a caccia dell’assassino del 23 febbraio. Tutti i particolari sul Giornale di Sicilia in edicola oggi (11 maggio).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati