Alberi di bottiglie e pannelli solari Studenti al forum sull’ambiente

Una ventina gli stand realizzati dai ragazzi. L’iniziativa nell'ambito di “Palermo apre le porte”. Tre giorni ecologici all’ex deposito di Sant’Erasmo. Giovedì lo spettacolo “Funky Pudding”

PALERMO. Una rivisitazione naturalistica del mondo, nel senso più ecologico del termine. È questo uno degli obiettivi che si pone la nuova edizione di “Palermo apre le porte – La scuola adotta la città”, che oggi ha dato il via ai lavori del Forum sull’Ambiente, organizzato nell’area dell’ex deposito delle locomotive di Sant’Erasmo. Tre giorni, voluti dall’assessorato comunale alla Pubblica istruzione, dedicati al rispetto dell’ecosistema, tra le nuove tecnologie da impiegare e i buoni costumi da seguire.
“Discuteremo del verde in città, del fare energia alternativa e della problematica dell’Oreto – spiega l’assessore Francesca Grisafi –, tutte tematiche importanti e realmente sentite dai ragazzi”. Così, mentre oggi la discussione verterà sulle possibilità che esistono e che vanno ancora realizzate per vivere gli spazi verdi cittadini, domani l’attenzione si concentrerà sullo scottante tema del risparmio energetico e delle fonti alternative di energia esistenti e da sviluppare. Giovedì, ultimo giorno del Forum sull’ambiente, tornerà alla ribalta invece la questione legata al fiume Oreto e alla sua rivalorizzazione e salvaguardia. “Sono sicura – ha aggiunto Francesca Grisafi – che i ragazzi con il loro spirito e la loro inventiva riusciranno ad offrire degli spunti validi, che potranno essere utilizzati dagli adulti”.
Una ventina di padiglioni colorati e assolutamente “eco-sostenibili” affollano, dunque, l’area di Sant’Erasmo, tra bambini e adolescenti alle prese con le loro creazioni, cartelloni, alberi fatti con le bottiglie, plastici e pannelli solari a dimensioni reali. A partecipare al progetto, ognuno con il proprio spazio espositivo, sono l’Itc Rutelli, l’Itis Vittorio Emanuele III, l’Itis Volta, l’Ipssar Cascino, il liceo scientifico Benedetto Croce e l’artistico Almeyda, le direzioni didattiche Ingrassia, Leonardo da Vinci, Monti Iblei, Pestalozzi, Raciti, San Lorenzo, l’Istituto comprensivo Cruillas e il Mantegna Borsellino, ma anche le scuole medie Don Milani e Quasimodo, senza dimenticare gli alunni della provincia appartenenti agli Istituti comprensivi Riso di Isola delle Femmine, Pirandello di Ficarazzi e quello di Torretta.
I tre giorni dedicati dalle scuole e dal comune di Palermo all’ambiente si concluderanno con lo spettacolo “Funky Pudding”, in programma giovedì 13 maggio alle 17,30: una piece italo-francese, di e con Luigi Ciotta e Aurèlia Dedieu, che “tende a rovesciare il fragile equilibrio che separa gli individui dai loro rifiuti, l’uomo dalla sua società e che rende, attraverso la follia del buffone, l’idea di ciò che consumare significhi realmente”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati