Palermo, chiesta la liquidazione della Gesip

Lo ha deciso il presidente della società a partecipazione comunale , Pippo Enea, che inoltrato la richiesta al Comune. A rischio 1900 dipendenti

PALERMO. Il presidente Pippo Enea ha inoltrato la richiesta della messa in liquidazione della Gesip, la società a partecipazione comunale, che tra l' altro, svolge funzioni di manutenzione e cura dei cimiteri, del verde pubblico e si occupa del trasporto dei disabili. La società, per la quale lavorano circa 1900 dipendenti, ha eroso il patrimonio aziendale.La giunta comunale ha tempo trenta giorni per cercare di riportare in pari il capitale sociale dell'azienda (6 milioni di euro) e approvare l'adeguamento del contratto di servizio con il Comune di Palermo, passando da 58 a 71 milioni di euro, ciò per evitare il fallimento della Gesip. L'adeguamento del contratto di servizio deve essere discusso e approvato dal Consiglio comunale. Nelle settimane scorse questo è stato proprio uno dei punti all'ordine del giorno di Sala delle Lapidi, senza però risolvere nulla. In questo mese la Gesip sarà autorizzata a compiere solo  atti di ordinaria amministrazione: se la situazione economica dell'azienda non dovesse migliorare verrà nominato un commissario liquidatore.  La Gesip perde circa 900 mila euro al mese

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati