Bimbo ingoia una moneta, genitori litigano: il padre poi si suicida

La tragedia familiare a Modica. L'uomo, 39 anni, in preda all'ira dopo una discussione con la consorte si sarebbe recato in campagna e poi tolto la vita con dei barbiturici

MODICA. Un uomo si è tolto la vita nelle campagne di Modica, dopo una lite ed uno scambio di accuse con la moglie, sulle responsabilità dell'ingerimento, da parte del figlioletto di 2 anni, di una moneta da 5 centesimi. L'uomo, che ha 39 anni, in preda all'ira dopo la discussione con la moglie, ha lasciato il pronto soccorso dell'ospedale dove il piccolo era stato accompagnato d'urgenza e, secondo la ricostruzione dei carabinieri, è andato nella sua casa di campagna in contrada Fargione.  Qualche ora dopo è stato trovato privo di vita, per effetto dei barbiturici ingeriti. L'uomo, uscendo dall'ospedale, ha detto alla consorte: "Di queste accuse ingiuste che mi stai muovendo, te ne pentirai". Il bimbo sta bene, in quanto l'intervento eseguito dai sanitari è perfettamente riuscito ed é tornato a casa, a Pozzallo (Ragusa).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati