Usura, arrestato un ristoratore a Favara

FAVARA. La squadra mobile di Agrigento ha arrestato, per usura, Stefano Canino, 43 anni, di Favara, titolare di un ristorante Al Villaggio Mosé. All'indomani dell'operazione "Easy money" che a fine gennaio portò in carcere, dopo la denuncia dell'ex sindaco di Porto Empedocle Paolo Ferrara, nove persone, e dopo gli appelli a denunciare lanciati dal procuratore Renato Di Natale e dal questore Girolamo Di Fazio, in questura si è presentato un impiegato di Favara. L'uomo ha raccontato d'essersi fatto prestare, in un momento di difficoltà economiche, 15 mila euro e dopo neanche due anni l'usuraio pretendeva la restituzione di oltre 100 mila euro, applicando un tasso usuraio del 180 per cento. Le indagini, con pedinamenti ed intercettazioni telefoniche, hanno permesso d'appurare che Canino, per farsi pagare il prestito, avrebbe più volte minacciato di morte la vittima e lo avrebbe anche costretto a sottoscrivere 30 cambiali da mille euro ciascuna, dieci delle quali sono state pagate, e altrettante da 450 euro, nonché assegni per 55 mila euro. L'inchiesta è stata coordinata dal sostituto procuratore della Repubblica di Agrigento Luca Sciarretta.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati