Tributi Italia spa, 68 dipendenti a Roma contro la cassa integrazione

PALERMO. Sono 68 i lavoratori siciliani della Tributi Italia Spa, società di riscossione tributi che ha avviato una procedura di cassa integrazione a livello nazionale, interessando in tutto 700 lavoratori, che parteciperanno domani al presidio organizzato dalla Filcams Cgil che si terrà presso il ministero dell'Economia e Finanze a Roma dalle 10. L'iniziativa avrà luogo in concomitanza con la discussione in sede parlamentare della grave situazione in cui versa l'azienda, che ha fatto richiesta di ammissione a concordato preventivo.
Allo stato attuale non vi è alcuno spiraglio di un futuro occupazionale: allo scadere dei 12 mesi, i lavoratori andranno in mobilità.
"Abbiamo già intrapreso un'interlocuzione con l'amministrazione regionale, - spiega Monica Genovese, segretaria regionale e provinciale Filcams Cgil - alla quale è stato richiesto l'impegno per un passaggio diretto dei lavoratori delle sedi siciliane alla costituenda Riscossione Tributi Sicilia Spa. Riteniamo, comunque, che la vertenza non debba slegarsi dal quadro nazionale, con una precisa assunzione di responsabilità da parte del ministero delle Finanze".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati