Juventini aggrediti: in cella 3 catanesi

Arrestati dalla polizia. Si tratta di due incensurati e un pregiudicato, accusati di aver lanciato bottiglie contro il bus sul quale viaggiavano i sostenitori bianconeri

Sicilia, Qui Catania

CATANIA. Tre ultras del Catania, due incensurati di 19 e 28 anni, R. F. e D. C., e un pregiudicato di 21 anni, G. F., che su ciclomotori lanciavano bottiglie contro un autobus dell'Azienda municipale trasporti sul quale viaggiavano tifosi della Juventus sono stati arrestati dalla polizia di Stato del capoluogo etneo.   
L'operazione è stata eseguita da agenti della Digos  della Questura e del X reparto mobile di Catania che erano di scorta al bus dei sostenitori della squadra bianconera che si stavano recando all'aeroporto di Catania per rientrare in Piemonte dopo avere assistito alla gara del Massi-mino, finita 1-1. Gli arresti in flagranza di reato sono stati eseguiti ieri sera ma la notizia è stata resa nota soltanto oggi. Il reato ipotizzato  nei loro confronti è lancio di oggetti contundenti compiuti du-rante una fase successiva a una gara di calcio.   
Indagini sono in corso per identificare altri ultras del Catania che hanno partecipato all'aggressione, avvenuta nella centrale piazza Santa Maria di Gesù.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati