Palermo, più turismo meno traffico

Nelle vostre piazze storiche al posto delle auto, ci dovrebbero essere turisti e palermitani, seduti a tavolini di ristorantini, di bar, gelateria, pizzerie, pasticcerie.
Io collaboro per un giornale, e il 25 aprile ero a Palermo, per seguire il presidente Schifani. Girando per Palermo, vedo che avete una città bellissima, forse una delle più belle al mondo, ma mi accorgo che nella vostra città si notano delle assurdità con dei propri crimini culturali, non solo contro i palermitani e i turisti che vengono in visitare Palermo, ma per tutti gli italiani, perché io sono uno di quelli che considera Palermo una delle capitali del nostro patrimonio artistico e culturale d´Italia.
Premesso questo, vi spiego da dove nascono le mie considerazioni. Conoscendo la valenza artistica delle piazze del centro storico di Palermo dico che è assurdo.
È come se a Roma, in piazza Navona, piazza di Spagna, piazza Fontana di Trevi, ci trovassi auto parcheggiate, o peggio ancora davanti al portone della chiesa Santi Vincenzo e Anastasio proprio a Fontana di Trevi, non potessi entrare perché ostruita dalle auto, ma Roma è solo un esempio in tutta Italia, perfino nella bella e dannata Napoli, le piazze San Domenico, piazza del Gesù, piazza Dante è vietato il parcheggio. Invece io credo, da italiano che ama Palermo, che nelle vostre piazze storiche  al posto delle auto, ci dovrebbero essere turisti e palermitani, seduti a tavolini di ristorantini, di bar, gelateria, pizzerie, pasticcerie e voi a Palermo, siete i migliori nel campo gastronomico.
È stato provato che nelle città d´arte e turistiche dove le piazze sono un pullulare di persone, ci guadagnano sia gli esercenti delle piazze, e per la animazione da parte degli avventori, si allontana la delinquenza.

Marcello Belloni

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati