Palermo, ecco cosa si farà per ripulire Bellolampo

Nel corso di un vertice decisa la riapertura della discarica di Bolognetta in attesa che sia pronta la quinta vasca. "Se serve, interverrà anche l'esercito"

Sicilia, Cronaca

PALERMO. Niente pretrattamento dei rifiuti per un mese e la discarica di Bolognetta aperta per un anno. Così la Protezione civile, la Regione, il Comune e il prefetto hanno deciso di far respirare Bellolampo, a Palermo. Decisioni prese nel corso di un vertice che si è ritenuto necessario per arginare la condizione della discarica del capoluogo isolano, il cui piazzale ospita una montagna di spazzatura. Per un mese, dunque, si consentirà di evitare la triturazione dei rifiuti, che serve a diminuirne il volume, e abbancarli direttamente in discarica. Accanto a questa decisione, anche l’apertura da parte della Regione della discarica di Bolognetta, in cui finiranno per almeno un anno i rifiuti prodotti dai 21 comuni gestiti dal Coinres. Intanto il prefetto Giancarlo Trevisone ha annunciato: “A giugno sarà pronta la quinta vasca e, se necessario, non si esclude l’intervento dell’esercito”. Maggiori dettagli si possono leggere nell’edizione cartacea del Giornale di Sicilia in edicola oggi, 30-04-2010.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati