Palermo, a scuola con i rifiuti

Siamo gli alunni del liceo classico statale Vittorio Emanuele II di Palermo, e di recente abbiamo spedito una lettera al sindaco Cammarata, al presidente dell'Amia, e al comandante dei vigili urbani, per lamentarci della frequente presenza di rifiuti, a volte ingombranti e pericolosi come elettrodomestici rotti e mobilio, accanto al portone di ingresso della sede succursale in via Collegio del Giusino, e del fatto che il marciapiede antistante alla scuola, che talaltro "luogo sicuro" del piano scolastico dei rischi, sia sempre ingombro di macchine parcheggiate che fanno sì che gli studenti siano di fatto in mezzo alla strada nel tempo precedente l'apertura del portone. Le autorità competenti che abbiamo contattato per i suddetti problemi non hanno fino ad oggi risposto. Nonostante alcuni dei citati rifiuti siano stati rimossi, tuttora il marciapiede è infatti pieno di spazzatura e il parcheggio delle auto non è stato impedito. Cosa ancora più pericolosa, in mezzo alla spazzatura è presente anche un contenitore vuoto di eternit (come mostra la foto), sostanza molto tossica per la presenza di amianto che può provocare conseguenze gravissime alla salute come un particolare cancro ai polmoni, che quindi mette ancora più a rischio la sicurezza di quanti frequentano per lavoro e studio la sede succursale.
Alunni, docenti e personale del liceo classico statale Vittorio Emanuele II di Palermo

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati