Messina, assessore si dimette per incompatibilità

Giovanni Ardizzone ha lasciato il posto nella giunta del Comune peloritano perché è anche un deputato regionale dell'Udc. La Corte costituzionale aveva dichiarato illegittimo il doppio incarico

MESSINA. Dopo che una sentenza della Corte costituzionale ha dichiarato nei giorni scorsi illegittimo il doppio incarico tra amministratore di un Comune e parlamentare regionale, come annunciato, il deputato regionale dell'Udc Giovanni Ardizzone si è dimesso da assessore alla Cultura del Comune di Messina. Nei prossimi giorni dovrebbe ufficializzare le dimissioni anche Fortunato Romano, deputato regionale del Mpa da assessore comunale alla Protezione civile.         
Il sindaco di Messina Giuseppe Buzzanca, che si trova nella stessa situazione di Ardizzone e Romano, perché è anche parlamentare regionale del Pdl, ha già annunciato che non si dimetterà da sindaco e neppure da deputato regionale. Buzzanca ha dichiarato che, "in caso della presentazione di ricorsi, aspetterà tutti i gradi di giudizio prima di decidere". Sembra quindi attualmente scongiurata l'ipotesi che, per la terza volta consecutiva a causa di problemi legati a ricorsi elettorali, si debba andare di nuovo ad elezioni comunali a Messina. In precedenza, infatti, nel 2003 era decaduto dalla carica lo stesso Buzzanca, per aver subito una condanna quando era presidente della Provincia. In seguito sono state annullate le elezioni amministrative del 2005 a Messina, quando aveva vinto la giunta di centrosinistra guidata dall'attuale deputato del Pd, Francantonio Genovese. Allora le elezioni furono annullate perché il Cga aveva accolto il ricorso del candidato a sindaco Antonio Di Trapani e della lista del Nuovo Psi di Gianni De Michelis, esclusi dalla competizione elettorale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati