Priolo, donna uccisa a coltellate: vittima doveva essere un'altra

Secondo quanto riportato dagli inquirenti, Corrado Pantano, 50 anni, era uscito di casa con un coltello per colpire un collega, ma per strada è avvenuto l'incontro con Silvana Scarlata

PRIOLO. Era uscito di casa con un coltello per punire un collega con cui aveva avuto dissapori sul lavoro, ma per strada ha incontrato Silvana Scarlata e, dopo avere avuto con lei una discussione, in preda all'ira, l'ha uccisa. E' una delle novità emerse sull'omicidio della donna assassinata ieri da Corrado Pantano, 50 anni, a Priolo (Siracusa). L'omicida, che era collega anche della Scarlata, era intenzionato a chiarire una vecchia questione in sospeso con un altro impiegato comunale: sia Pantano, che la donna e il terzo protagonista della vicenda lavorano, infatti, al servizio di pulizia dell'impianto sportivo polivalente di Priolo. Mentre, armato, si aggirava per il paese cercando il collega, Pantano, che comunque aveva rapporti molto tesi con tutti i dipendenti del servizio, avrebbe visto parcheggiato il motorino della figlia della Scarlata e l'avrebbe preso a calci. La donna avrebbe assistito alla scena e, scesa in strada, avrebbe intimato al collega di andarsene. Da qui la lite e l'assassinio. Non risulta, al momento, che Pantano abbia problemi psichici.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati