Lo Stato e quell'aiuto allo Zen

Se ne vanno. Da soli. Pacificamente. E sullo Zen delle case popolari occupate dagli abusivi si proietta un confortante raggio di legalità. Eccoli, i primi tangibili segnali concreti della presenza dello Stato. Ancor più importanti e significativi dello sgombero già eseguito pochi giorni fa e di quello che si annuncia per i prossimi giorni. Ieri una ventina di famiglie, che si erano asserragliate nelle case non ancora definite, hanno capito che non era più il caso di tirare la corda, di resistere, di sfidare le forze dell’ordine. E hanno scelto la giusta via della volontaria uscita di scena. Sarà stata la grande attenzione mediatica (vedi la frequente presenza nel quartiere del camper del Giornale di Sicilia) e sarà stata la decisione delle forze dell’ordine di accogliere l’invito del Comune a proseguire a oltranza la propria presenza massiccia. Di certo, se lo Stato c’è, i risultati si vedono. Anche in un quartiere di frontiera come lo Zen.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati