Gela, la telefonata della madre ai carabinieri: "Venite, ho ucciso i miei figli"

GELA. "Venite a prendermi ho ucciso i miei bambini". Cosi Vanessa Lo Porto, 30 anni, ha informato i carabinieri di avere appena assassinato i suoi due figli, Rosario, di nove anni, e Andrea Pio, di due. La donna ha chiamato il 112 con il suo cellulare dopo avere tentato il suicidio sulla spiaggia di Torre di Manfria, una località balneare tra Gela e Licata. Secondo la ricostruzione degli investigatori Vanessa Lo Porto prima ha affogato i suoi figli in mare, poi è riuscita faticosamente a riguadagnare la riva e a telefonare ai carabinieri. La donna, che è in stato di choc, in questo momento è piantonata dai carabinieri nell'ospedale Vittorio Emanuele di Gela con l'accusa di duplice omicidio aggravato. Il marito con il quale si era da poco separata, Marco D'Augusta, un operaio di 42 anni, non è stato ancora rintracciato dagli investigatori. Intanto proseguono in mare le ricerche del corpo del fratellino minore, Andrea Pio, mentre il cadavere di Rosario, che era affetto da autismo, è già stato recuperato.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati