Agrigento, l'anziano con un pezzo del tempio greco a casa

Scoperti e sequestrati dai carabinieri in casa di un pensionato 930 reperti archeologici, tra cui anche anfore, corredi funerari e il frammento di una colonna. L'uomo è stato denunciato

AGRIGENTO. I carabinieri hanno sequestrato 930 reperti archeologici, per un valore complessivo stimato in oltre un milione di euro nell'abitazione di un pensionato agrigentino, del quale non è stata resa nota l'identità, che é stato denunciato per ricettazione. Si tratta di corredi funerari, anfore di diverse dimensioni, crateri attici e perfino del frammento della colonna di un tempio greco.
I reperti, che erano custoditi in una teca nel salotto della villa del pensionato, sarebbero stati trafugati in diversi siti archeologici della Sicilia.
L'operazione è stata condotta dai carabinieri di Agrigento e da quelli del Nucleo di tutela del patrimonio culturale di Palermo. Secondo i militari si tratta del sequestro più importante di reperti, nell'abitazione di un privato, mai avvenuto in Sicilia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati