Avances alla dottoressa della moglie: stalking a Ragusa

Un catanese di 38 anni si era invaghito del medico della consorte. Il gip ha emesso un divieto di avvicinamento

RAGUSA. Si era invaghito della dottoressa che aveva in cura sua moglie e voleva a ogni costi avviare una relazione sentimentale con lei. Respinto dal medico l'uomo non ha desistito nelle avance, anzi ha cominciato a vessare la donna che lo ha denunciato.    
Protagonista della vicenda, avvenuta a Ragusa, un catanese di 38 anni, nei cui confronti il Gip Claudio Maggioni, su richiesta del sostituto procuratore Monica Monego, ha emesso un divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla dottoressa ragusana.     
Secondo le indagini della squadra mobile della Questura, la vita della professionista era diventata particolarmente difficile per l'ansia di ricevere nuove molestie: aveva paura di uscire di casa per recarsi sul posto di lavoro, esercitato anche in ore serali e notturne, temendo seriamente per la propria incolumità personale ed era assillata da continue telefonate.    
Il questore di Ragusa, Filippo Barboso, invita le vittime di stalking a "non sottovalutare queste situazioni" e a "non esitare a rivolgersi alla polizia di Stato" che "sapranno consigliarle e dare loro un aiuto professionale". 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati