"Palermo apre le porte", partenza sprint per il primo weekend

Tanti i monumenti, i musei e le chiese aperte al pubblico tra venerdì 16 e domenica 18. Organizzate anche due passeggiate in città

PALERMO. Primo weekend di “Palermo apre le porte – La scuola adotta la città” quello che si è appena concluso, compreso tra venerdì 16 e domenica 18 aprile. E' partita in gran forma la nuova edizione dell'iniziativa organizzata dal comune del capoluogo isolano e che per questo 2010 è giunta al suo sedicesimo anno consecutivo di realizzazione.
Tanti i monumenti aperti al pubblico in questo primo fine settimana e tanti gli alunni che hanno accompagnato da perfetti “ciceroni” visitatori, turisti e semplici curiosi alla scoperta delle bellezze storico-artistiche e monumentali della città.
Visitabili, nella zona di Porta Bab as San’ah, Palazzo Mirto e l'Oratorio di San Lorenzo; nell'area di Porta Termini, piazza Rivoluzione e Palazzo Natale; in quel di Porta della Dogana, Palazzo Steri e Palazzo Galletti; ancora la Cappella di San Giuseppe e il museo Nunzio Russo dalle parti di Porta Sant’Agata; e Palazzo Riso e il museo inernazionale delle marionette “A. Pasqualino” nello spazio di Porta Felice. Il primo weekend di “Palermo apre le porte – La scuola adotta la città” ha visto coinvolti anche la necropoli punica e il museo della Vignicella, in zona Porta Nuova; l'urna di Santa Rosalia in Cattedrale, Palazzo Fernandez e l'atrio di Palazzo Santa Rosalia a Porta d'Ossuna; poi ancora la chiesa di San Francesco di Paola e quella di Sant'Anna dei Pioppi, dalle parti di Porta Carini. A Porta della Favorita aperti, invece, la chiesa di San Filippo Neri, Villa Magnisi e i giardini ornamentali della Palazzina Cinese; a Porta Santa Rosalia (anche detta Porta San Giorgio) erano visitabili la Tonnara Florio e il Cimitero degli Inglesi; mentre nell'area di Porta Montalto si poteva entrare nei locali del Convento di Santa Maria di Gesù. Infine, nella zona di Porta Maqueda, è rimasta aperta la chiesa di Santa Maria del Monserrato.
Tra palazzi storici, chiese e musei, per i cittadini e i turisti amanti dell'aria aperta, sono state programmate anche due passeggiate che hanno seguito dei percorsi assai diversi tra loro. Da un lato “Così è lo Zen 2...”, che ha attraversato una parte del quartiere periferico di Palermo tra i suoi palazzi e i giardini abbandonati; dall'altro il “Percorso sulla legalità”, organizzato per conoscere i luoghi simbolo della lotta al racket e alla mafia e che ha perciò fatto tappa nell'Oratorio di San Lorenzo, nella chiesa di San Francesco d'Assisi, a Palazzo Merlo e a Palazzo Cattolica, fino ad arrivare all'Antica Focacceria San Francesco. Il prossimo appuntamento con i weekend culturali in città è fissato per venerdì 7 maggio, con iniziative, incontri e visite programmate fino a domenica 9.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati