Pasta, "Antinoro pagò i voti": lui nega

Nuove accuse dal pentito: tremila euro erano destinati alle spese legali del boss. L'esponente Udc: è tutto falso, giudicatemi subito

Sicilia, Cronaca

PALERMO. Nuove accuse dal pentito Manuel Pasta. Durante il processo Eos il collaborante conferma il quadro già emerso dalle indagini e accusa di nuovo l'eurodeputato Antonello Antinoro di aver comprato sessanta voti per tremila euro, denaro pagato a uomini delle famiglie mafiose di Resuttana, Pallavicino e dell'Arenella, più le spese che il reggente della famiglia, Salvo Genova, doveva affrontare per gli avvocati. Il politico si difende: accuse infondante, giudicatemi subito. L'articolo completo sul Giornale di Sicilia di giovedì 15 aprile 2010

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati