Sciacca, rapinano la gioielleria e fuggono in taxi

Arrestati tre giovani catanesi che avevano tentato il colpo in trasferta in un negozio di piazza Duomo

SCIACCA. Tre giovani rapinatori catanesi in trasferta sono stati arrestati, nella tarda serata di ieri, dopo avere messo a segno un "colpo" nella gioielleria di piazza Duomo a Sciacca. Due di loro sono stati catturati mentre tentavano di fuggire a bordo di un taxi. Il primo ad essere bloccato, da un ausiliario del traffico che si trovava davanti alla gioielleria, è stato Santo Condorelli di 31 anni, arrestato poi dalla polizia e trasferito al carcere di Sciacca. Gli altri due complici sono invece riusciti a scappare prendendo un taxi e lasciando posteggiata sul retro della gioielleria la Fiat Panda che avevano preso in affitto. Dopo l'arresto, il commissariato di Sciacca ha diramato la nota di ricerche. Una pattuglia della squadra mobile di Agrigento è riuscita a intercettare i due fuggitivi in taxi lungo la statale 640, in territorio di Favara. Si tratta di Anna Rau, di 22 anni, e Santo Pulvirenti, di 29. La donna era stata scarcerata  lo scorso mese di gennaio. Entrambi sono stati portati alla casa circondariale di Agrigento. Gli investigatori hanno recuperato anche i gioielli rubati, per un valore di circa 50 mila euro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati