Palermo squadra dinamica che ha imparato ad aspettare

Uniti dalla comune bandiera Eugenio Corini («due grandiose esperienze di vita e di sport») e divisi sul campo, Palermo e Chievo si sono affrontati a nervi tesi e i rosanero sono stati bravi a contenere scintille e reazioni. La squadra di Rossi in casa è matura; per esempio ha imparato che solo la pazienza può aprire le difese chiuse. Quella del Chievo è la terza del campionato; non per niente la squadra veronese è chiamata Diga (dalla diga sull’Adige) e la mitica borgata ospita una fortezza austriaca di pianta poligonale, oggi chiamata Forte Chievo. Tra l’altro, lì vicino, morì nel 1916 il pittore Umberto Boccioni per una caduta da cavallo. Faceva parte del 29° reggimento che proprio al Chievo (così si diceva allora), una manciata di case in riva all’Adige, si era accantonato. Esponente del futurismo, tra i grandi pittori dell’inizio del Novecento, citare Boccioni non è fuori tema; dipinse nel 1913 uno dei primi quadri sul calcio: «Dinamismo di un foot-baller». Uno studio ad acquarello e inchiostro per questo quadro è stato battuto da Christie’s, a Milano nel 2007 per 1,8 milioni di euro. Il quadro è al Moma di New York e non è qui il caso di discutere se valga di più o di meno del cartellino di Kakà.
Noi ci accontentiamo del dinamismo rosanero, che pure ebbe il futurista palermitano Pippo Rizzo tra i suoi primi estimatori, in tempi ormai assai lontani. Chi dipingerà oggi il dinamismo di Miccoli? Marcello Lippi non sembra tanto disponibile. Eppure è fortissimo e mette i compagni e gli spettatori di buon umore con il suo modo sbarazzino di interpretare il calcio e la popolarità. Per pochi giocatori, tra questi Miccoli, prima di essere uno sport o un business, il calcio è un gioco. E per questo ci sono cari.
È il Miccoli migliore di tutti i tempi, non aveva mai segnato tanto. È terzo nella classifica dei cannonieri e rispetto all’immenso Di Natale fa anche tanti assist in più (48 contro 41 prima della partita di ieri) di cui 7 hanno prodotto il gol (contro 5 del bianconero). Dati Lega calcio. È bizzarro che i migliori giovani stranieri del Palermo siano apprezzati dalle loro nazionali (Kjaer titolare della Danimarca, Cavani dall’Uruguay e Pastore dall’Argentina) e i migliori italiani in rosanero oggi siano poco visti in azzurro. Liverani è peggio di Pirlo? E soprattutto è possibile che Balzaretti non sia mai stato provato in Nazionale? Lippi, ricordati che hai vinto il Mondiale in Germania con quattro rosanero.
Il nostro cartellino della partita (5 punti a gol, da 0 a 3 a ciascun tiro secondo pericolosità) dà un 25-6 (primo tempo 19-5) per il Palermo. Un solo punto per il Chievo nel secondo tempo: sul 3-1 la squadra di Rossi ha impedito agli avversari di riaprire la partita, ricorrendo a opportuni rallentamenti di ritmo. Il Forte Chievo era già espugnato.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati