Regione, cambia aspetto la riforma della formazione

Decise le norme che avranno il via libera con la nuova finanziaria. Tra queste, anche la stabilizzazione di 200 precari dei consorzi di bonifica

PALERMO. Novità per la formazione professionale. La riforma entra nella Finanziaria ma cambia aspetto. Nel corso di un vertice che si è svolto alla presenza dell’assessore regionale all’Economia, Michele Cimino, del presidente dell’Ars, Francesco Cascio, e di Riccardo Savona (presidente della commissione), sono state decise le norme che avranno il via libera. Prima su tutte, la stabilizzazione di 200 precari nei consorzi di bonifica. Segue la possibilità per gli enti locali di coprire i vuoti d’organico ricorrendo ai soli concorsi per titoli. Con questa riforma della formazione professionale, resterebbero in vita i corsi finanziati con i fondi europei (circa 300 milioni all’anno). Maggiori dettagli si possono leggere nelle pagine del Giornale di Sicilia oggi in edicola.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati