Gli etnei "ammazzagrandi" adesso puntano il Milan

CATANIA. Juventus e Lazio sconfitte in trasferta; Inter, Fiorentina e Palermo battute in casa. Con 15  punti ottenuti contro cinque 'corazzate' del campionato di Serie A, il Catania si conferma squadra in grande forma e soprattutto 'ammazzagrandi'. Prossimo obiettivo: il Milan. Una definizione che però il presidente degli etnei, Antonino Pulvirenti, non condivide. 'Per noi contano i punti - spiega  - perche' il nostro obiettivo è la salvezza. Con chi li otteniamo ha un'importanza relativa: la nostra priorità è vincere per salire sempre più di posto in classifica. Certo, se i successi arrivano con le 'grandi' del campionato può farti un po' più di piacere, ma i punti conquistati sempre tre...".   E' proprio perché il Catania ha sposato questa filosofia che domenica prossima, rileva Pulvirenti, gli etnei andranno al Meazza "per fare punteggio pieno". "Noi non abbiamo alcunché da perdere - aggiunge il presidente del Catania - e sfidiamo una delle squadre più forti d'Europa in casa sua. Chi rischia è il Milan che è in piena lotta per lo scudetto. Paradossalmente dovranno essere più nervosi loro che noi. Ce la giocheremo puntando sulla nostra determinazione per conquistare altri tre punti, quelli della matematica salvezza".  E sull'esplosione di Maxi Lopez è lapidario: "Lo sapevamo che era forte - afferma compiaciuto Pulvirenti - erano gli altri che non ci credevano, non noi. Ma il Catania è forte nel suo organico, vedrete che daremo ancora tante soddisfazioni ai nostri tifosi". Il Catania, seppur privo di un elemento importante come Martinez, fermato dallo stiramento rimediato contro il Palermo, ha tra i suoi punti di forza un gruppo affiatato e anche un rinato Maxi Lopez. L'attaccante argentino, arrivato a Catania nel gennaio scorso, ha segnato sei reti in nove gare, le ultime due domenica scorsa nel derby al Massimino, facendo guadagnare otto punti alla sua squadra. Il bomber prelevato dal Gremio è il giocatore etneo che ha il miglior rapporto gol fatti-punti ottenuti. Su di lui il capitano Peppe Mascara dà un giudizio più che positivo: "Maxi Lopez - dice - strutturalmente è possente, sa tenere bene la palla, nei momenti più importanti consente alla squadra di rifiatare e dentro l'area poi è formidabile".  Lopez, dal canto suo, si schermisce e sottolinea che "l'importante non è chi segna ma ottenere i punti per la salvezza" ."E' la mia priorità - ribadisce - anche perché qui ho trovato un gruppo forte e motivato e un grande allenatore. Andare via? Non ci penso: ho tre anni di contratto, qui mi trovo bene e voglio rimanere a Catania". Ma non nasconde che spera "fino all'ultimo in una chiamata di Maradona per disputare con la nazionale Argentina i prossimi Mondiali". Magari continuando la serie positiva domenica con il Milan...

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati