Quando il futuro entra in cantina

L'azienda trapanese impiega tecniche innovative per la sostenibilità ambientale, riconfermandosi come uno dei marchi leader del settore

MARSALA. Un’antica azienda del marsalese che impiega tecniche innovative per la sostenibilità ambientale, la tracciabilità ed il rispetto del consumatore. La Rallo cambia aspetto e rilancia la sua immagine all’insegna delle fonti energetiche rinnovabili con un impianto fotovoltaico di circa 380 KWp che è in grado di coprire il fabbisogno di tutta la filiera produttiva, dalle prime fasi di lavorazione fino all’imbottigliamento.
Oltre a ciò, un aspetto molto importante è il passaggio da Spa a società agricola Spa, una denominazione che implica la necessità di un legame ancora più stretto tra le uve vinificate ed il territorio di appartenenza. Altro tema caro all’azienda è il rapporto con il consumatore, che viene informato circa l’esatta provenienza del vino che sta degustando. “Su tutte le etichette, già dall’anno prossimo, sarà possibile rintracciare gli ettari di produzione dell’uva che compone il vino, ma anche il numero di bottiglie prodotte, così da accorciare sensibilmente la distanza tra noi ed il cliente” spiega Andrea Vesco, direttore marketing di Cantine Rallo. Un gesto di sensibilità nei confronti del consumatore, così come l’abbassamento della soglia alcolica ad un tetto massimo di 12,5°, per tutti i prodotti dell’azienda, un aspetto non trascurabile, che viene incontro alle esigenze del pubblico.
Molte novità dunque in casa Rallo, un’azienda che conserva una tradizione vinicola importante, quella del Marsala, che continua a trasmettere e rilanciare ancora oggi attraverso mezzi di comunicazione innovativi come i blog o internet. E’ stato recentemente inaugurato infatti il blog ufficiale dell’azienda (cantinerallo.wordpress.com), uno spazio interamente dedicato all’enogastronomia siciliana di qualita, ma non solo, anche alle tradizioni ed alla cultura siciliana.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati