Palermo, dirottano un autobus: un arresto e due denunce

L'episodio avvenuto questa notte. I ragazzi, un ventenne e due minorenni, avrebbero minacciato l'autista e vandalizzato la vettura dell'Amat, prima di essere fermati dalla polizia

PALERMO. Hanno dirottato l’autobus e preso in ostaggio l’autista del mezzo, minacciandolo e costringendolo a condurli subito nel quartiero periferico di Ciaculli. Un ragazzo ventenne, Stefano Baglione, è stato arrestato e due minorenni, di 15 e 16 anni, sono stati denunciati dalla polizia. Una notte che l’autista del bus Amat non dimenticherà tanto facilmente. I tre ragazzi sono saliti nel mezzo intorno alle 3 del mattino, in piazza San Antonino, e con atteggiamenti non certo amichevoli hanno intimato l’uomo a deviare il solito percorso per raggiungere nel più breve tempo possibile la destinazione a loro “gradita”, cioè il quartiere Ciaculli. Dopo essere stato costretto a saltare ogni fermata intermedia, l’autista ha approfittato della vicinanza del deposito delle vetture Amat, in via Utveggio, per arrestare repentinamente la marcia dell’autobus ed abbandonare il mezzo prima di barricarsi all’interno della garitta della portineria già occupata da altro dipendente dell’azienda. I tre giovani passavano quindi alle vie di fatto, sfogando la violenza e la brutalità, prima solo minacciate: la carrozzeria della vettura colpita più volte, radio staccata dalla sua posizione estintore , l’estintore del mezzo svuotato sulla  tappezzeria e finestrini, violenti colpi alla garitta occupata dai due dipendenti Amat. Tutto questo finchè una volante della polizia, durante un controllo, non si è accorta del tutto, bloccando i tre dopo una breve e inutile fuga

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati