Folla travolge devoto, confermata condanna a capo vara di Catania

L'inchiesta tratta la morte di Roberto Calì, 22 anni, travolto e ucciso all'alba del 2004, durante la festa di Sant'Agata. Secondo l'accusa Alfio Rao non avrebbe rispettato le condizioni di sicurezza prima di comandare l'avvio del fercolo

CATANIA. La terza sezione della Corte d'appello di Catania ha confermato la condanna di primo grado a quattro mesi di reclusione per omicidio colposo per Alfio Rao, il capo della vara che trasporta il busto reliquiario di Sant'Agata, Patrona della città. I giudici hanno riconfermato anche alle parti civili, familiari e parenti della vittima il risarcimento complessivo di 720 mila euro. I legali di Rao, come riporta il quotidiano La Sicilia, hanno annunciato ricorso in Cassazione. L'inchiesta tratta la morte di Roberto Calì, un devoto di 22 anni travolto e ucciso dalla folla, all'alba del 2004, durante la festa di Sant'Agata. Secondo l'accusa Rao non avrebbe rispettato le condizioni di sicurezza prima di comandare l'avvio del fercolo, trainato con un cordone bianco da un migliaio di fedeli, durante la 'corsa' sulla salita di via di Sangiuliano.  Nell'ambito della stessa inchiesta il sostituto procuratore Antonino Fanara è tornato a chiedere l'archiviazione delle accuse nei confronti dell'arcivescovo Salvatore Gristina e dell'ex sindaco Umberto Scapagnini. Il Gup Alfredo Gari ha fissato l'udienza camerale per il prossimo 16 aprile.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati