Valentino fa tappa a Palermo

La maison ha presentato un’esclusiva sfilata prêt-à-porter ospitata nella boutique Giglio in piazza Croci

PALERMO. Ieri sera, per la prima volta, la maison Valentino ha presentato un’esclusiva sfilata della collezione prêt-à-porter primavera/estate 2010, che ha avuto luogo nella nota boutique palermitana Giglio — partner commerciale consolidato da tempo — in piazza Croci.
Lungo l’elenco degli ospiti che hanno partecipato all’evento all’interno del tempio del capoluogo siciliano dello shopping del lusso, che per l’occasione esclusiva è stato allestito su entrambi i piani.
Atmosfera ben diversa da quegli show caotici e nervosi che sono le sfilate per i buyer e la stampa; musica, colori, luci, ombre e abiti da sogno hanno fatto vivere a Palermo, seppure per un’unica serata, la magia del fantastico e sofisticato mondo Valentino, da sempre sinonimo di sogno e raffinatezza. Sogno che in più di quarantacinque anni si è diffuso e si diffonde tra milioni di clienti sparsi in tutto il mondo.
Scenografie fantastiche hanno trasformato il multimarca Giglio in un monomarca griffato Valentino, un nome che ha fatto la storia della moda italiana. Ad accogliere gli ospiti Michele Giglio con la moglie Maria Teresa e i figli Giuseppe e Federico assieme al direttore commerciale della casa di moda Valentino, Massimo Piombini.
La collezione di Maria Grazia Chiuri e Pier Paolo Piccioli — dal 2008 direttori creativi di Valentino — ha un fascino ricercato ed esclusivo: un susseguirsi di visioni oniriche e di effetti surreali.
Gli abiti erano indossati da modelle provenienti da ogni parte d’Italia. Fanciulle maliziose che sbocciano in corti abiti d’organza, grandi fiori e ampi volteggi di tulle. Abiti leggiadri in tessuti sapientemente realizzati da mani esperte, nelle tonalità del nudo beige, del rosa cipria, del grigio perla e del giallo paglierino. Presenti anche completi dinamici da rocker tenebrose formati da bluse trasparenti e pantaloni fascianti di pelle nera. Ai piedi spiccano le scarpe: veri e propri capolavori, modelli che sembrano più haute couture che prêt-à-porter. La donna Valentino che ha sfilato ieri da Giglio è una principessa raffinata, ma al tempo stesso una donna moderna, romantica e innovativa.
«Il segreto del successo di questa formula — spiega Federico Giglio — sta nel dare la sensazione di partecipare a un vero e proprio evento, e nel fare sentire ai clienti che sono parte di qualcosa di speciale e di unico».
«Il successo del brand — dice Massimo Piombini — è determinato dalla capacità dei suoi direttori creativi di interpretarlo in chiave nuova e moderna pur rimanendo fedeli ai suoi valori iconici. Ma contano, chiaramente, anche le strategie della distribuzione. Ecco perché Valentino sarà sempre uno dei brand più importanti del mondo del lusso».
Il gruppo Giglio ancora una volta è riuscito a suscitare l’entusiasmo dei suoi ospiti. Come in una celebre boutique degli anni cinquanta: le modelle, bellissime, sfilavano; le signore, accompagnate dai loro mariti, comodamente sedute si godevano lo show.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati