Rossi: "La Champions? Dipende solo da noi"

Il tecnico rosanero alla vigilia della partita contro il Genoa: "Loro sono fortissimi in casa, dobbiamo evitare di ripetere gli errori di concentrazione delle ultime trasferte"

Palermo. Delio Rossi si limita a definire delicata la partita di domani col Genoa, senza voler sentire parlare di scontro diretto per la Champions League. Il tecnico rosanero viene pizzicato più volte sull’argomento dai giornalisti presenti oggi nella sala stampa del Tenente Onorato, ma, come sempre, non si scompone dicendo che gli obiettivi vanno centrati e non dichiarati. Ma di una cosa è certo. «Non mi sono mai sbilanciato sull’obiettivo Champions, ma ciò che è sicuro è che da qui alla fine dipenderà da noi, e questa è già una buona cosa».
Fuori per infortunio Liverani, Simplicio e Bresciano, Delio Rossi è comunque più preoccupato per le potenzialità del Genoa, che per l’emergenza a centrocampo. «Sono sicuro che chi scenderà in campo al posto degli infortunati farà bene. Domani – ha aggiunto Rossi –affronteremo una squadra che si è consolidata in serie A ad alti livelli, e che quando è in casa, dà qualcosa in più. Inoltre, è allenata da un mister che fa esprimere un buon calcio alle sue squadre. È uno dei migliori tecnici in Italia». In comune col Palermo, il Genoa ha il fatto di essere spietata tra le mura amiche e si è sempre dimostrata una macchina da gol. Quali errori evitare, allora, che si sono visti nelle ultime trasferte dei rosanero? «Spero di non vedere cali di concentrazione, che hanno compromesso anche buone prestazioni fuori casa. Errori che comunque ci possono stare nel processo di crescita che la squadra ha intrapreso». Si può dire, inoltre, che il destino del Palermo, domani, passi da Genova, in tutti i sensi. Perché se da un lato ci sarà la sfida contro i rossoblù, dall’altro si dovrà fare attenzione a ciò che farà l’altra squadra della Lanterna, la Sampdoria, che, dopo il successo sulla Juventus, ha raggiunto i rosanero al quarto posto, e che domani sarà impegnata a Bari. Tutto ciò, però, non sembra preoccupare più di tanto Rossi. «Domani mi dovrò difendere dagli attacchi del Genoa e non da quelli della Sampdoria. Comunque, credo che dai trentanove punti in su (sono il Cagliari e il Bari al momento ad avere questi punti, ndr) si può sperare per un posto in Europa». Infine, Rossi fa un passo indietro e torna a parlare di Mourinho. A Rossi sì che il tecnico portoghese ha stretto la mano. «Sì, gli ho stretto la mano, anche perché non mi ha mai fatto niente. Sono al corrente dell’episodio col presidente Zamparini e mi dispiace».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati