Furti nell'Agrigento, preso clan familiare

Un'organizzazione specializzata nei furti in appartamento e in esercizi commerciali è stata scoperta in seguito a un'indagine della squadra mobile del capoluogo durata oltre sei mesi

AGRIGENTO. Una organizzazione a conduzione familiare, specializzata nei furti in appartamento e in esercizi commerciali ad Agrigento e provincia è stata scoperta in seguito a un'indagine della squadra mobile del capoluogo durata oltre sei mesi. Gli investigatori, dopo aver arrestato nel novembre scorso Fabrizio Rizzo, questa mattina, hanno arrestato i suoi fratelli Francesco e Mario, rispettivamente di 28 e 24 anni, e Nicolò Altavilla, 56 anni, di Cattolica Eraclea.  Attraverso intercettazioni telefoniche e pedinamenti gli agenti della Mobile, coordinati dal vice questore aggiunto Alfonso Iaedevaia, hanno ricostruito decine e decine di furti messi a segno dalla banda che prendeva di mira, nel periodo autunnale, le abitazioni della zona balneare lasciate disabitate. Durante uno di questi furti, i ladri hanno portato via anche la pistola d'ordinanza di un agente della polizia municipale di Agrigento. Il vigile urbano sarebbe stato avvicinato qualche tempo dopo da alcuni componenti della gang che millantando conoscenze si sarebbero offerti, dietro il pagamento di 800 euro, di recuperare l'arma. L'agente della polizia municipale avrebbe pagato il "riscatto", ma la pistola nel frattempo sarebbe stata portata, con la complicità di Altavilla, a Reggio Emilia dove sarebbe stata rivenduta.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati