Beni confiscati a Palermo, solo uno assegnato dal Comune ai senzacasa

I numeri del dossier stilato dal gruppo consiliare Un'altra Storia: dal 2007 ad oggi dei 1731 immobili tolti alla mafia soltanto 520 hanno trovato un destinatario

Palermo. Dal 2007 ad oggi dei 1731 beni confiscati alla mafia e assegnati al Comune di Palermo solo 520 hanno trovato un destinatario. E tra gli immobili consegnati, solo uno è andato ai senzacasa. E' una delle conclusioni del dossier "Beni confiscati: numeri e anomalie", redatto dal gruppo consiliare di Palermo Un'altra Storia e presentato oggi alla stampa dal capogruppo Nadia Spallitta e dall'eurodeputato del Pd Rita Borsellino.   "L'emergenza abitativa non è rientrata tra le priorità delle varie giunte guidate dal sindaco Diego Cammarata - hanno commentato Spallitta e Borsellino -. Nonostante il numero sempre maggiore di famiglie senzatetto e nonostante l'atto di indirizzo che, già dal 2007, prevede che i beni confiscati siano assegnati prioritariamente agli indigenti dell'emergenza abitativa, dall'inizio della seconda consiliatura ad oggi, un solo immobile ha avuto quella destinazione". Nello stesso periodo, ben 119 sono stati assegnati, invece, ad associazioni varie. Spallitta ha anche annunciato la proposta di un nuovo regolamento comunale per "rispondere concretamente ai principi di trasparenza previsti dalla legge".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati