Edilizia, domani a Palermo riunione Stati Generali delle Costruzioni

PALERMO. La crisi degli appalti, che nell'ultimo triennio ha colpito le circa cinquemila imprese delle costruzioni industriali, artigiane e cooperative della Sicilia e i circa centomila addetti, ha provocato la chiusura di centinaia di realtà e la perdita di circa 30 mila posti di lavoro. Il mercato delle opere pubbliche in Sicilia valeva nel 2007 ben 1.225 gare per 1.242 milioni di euro, ma nel 2008 il valore si è dimezzato (832 gare per 652 milioni) e nel 2009 si é registrata un'ulteriore flessione del 10% (661 gare per 590 milioni), tendenza negativa che si conferma anche nel 2010.
Gli Stati generali delle Costruzioni in Sicilia, costituiti dalle organizzazioni datoriali e dai sindacati, si riuniranno domani a Palermo, presso Palazzo Forcella de Seta, a piazza Kalsa, per un esame della siuazione del settore edile.
Al confronto parteciperanno, fra gli altri, il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, l'assessore regionale alle Infrastrutture, Luigi Gentile, il capo compartimento dell'Anas Sicilia, Ugo Di Bennardo, il responsabile regionale della Protezione civile, Pietro Lo Monaco, e i vertici regionali di Ance Sicilia, Aniem-Confapi, Cna Costruzioni, Anaepa-Confartigianato, Casartigiani, Claai, LegaCoop, Confcooperative, Feneal-Uil, Filca-Cisl e Fillea-Cgil.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati