Lombardo: "Presidenzialismo? Può saltare l'equilibrio"

Il governatore della Sicilia a Matera: "Serve un potere agile che si assuma le proprie responsabilità quando serve". E sulle elezioni regionali: "Test importante"

Matera.  "Non vorrei fosse il solito, classico, importante annuncio e magari occuperà il dibattito nazionale nei prossimi giorni, impedendoci di approfondire i temi che riguardano le regioni e quindi anche le elezioni regionali": lo ha detto a Matera il leader del Movimento per l'autonomia, Raffaele Lombardo, che è anche governatore della Sicilia.    
"Non credo - ha aggiunto - che sia attuabile domani mattina. Ritengo che sia importante garantire nel Paese un equilibrio dei poteri. Oggi abbiamo partiti tutti monocratici, un Parlamento che, piuttosto che dai cittadini, viene eletto, o meglio scelto, o meglio nominato da pochi leader che, nel compilare le liste, nell'assicurare le prime postazioni ai parlamentari fedeli,  monopolizzano anche le scelte del Parlamento. Se ci aggiungiamo anche tutto il potere presidenziale a un uomo eletto direttamente dalla gente credo che quell'equilibrio salti. Questa riforma, per carità, io non la avverso - ha concluso Lombardo - ma ritengo sia importante che ci sia un potere che agilmente si assuma le proprie responsabilità quando serve".
"E' inevitabile che, qualunque tipo di elezione di una certa portata, e questa ha una portata enorme, abbia una ripercussione sul quadro politico", ha detto Lombardo. "Si vota dalla Basilicata alla Calabria alla Lombardia - ha aggiunto - salva la mia isola e qualche altra regione, e indubbiamente milioni di italiani sono chiamati al voto. Vediamo quello che accede dentro ai partiti e quello che accade complessivamente nel Paese: ritardi nel presentare le liste, i decreti legge, i mille conflitti che vanno emergendo. Non c'é dubbio che il significato di queste elezioni sia sotto gli occhi di tutti. Credo sinceramente che, appunto per quella che è la condizione generale della politica e dei rapporti tra i partiti e dell'azione dei governi - ha affermato Lombardo - dopo le elezioni molte cose cambieranno”.
E a chi gli chiedeva un giudizio sulla manifestazione di oggi a Roma del Pdl Lombardo ha risposto: "Non ci vedo niente di male, anzi”.    
"Credo che manifestare civilmente, democraticamente, sia un diritto degli italiani, che è stato sempre esercitato con moderazione e moltà civiltà. C'é stata una manifestazione del centrosinistra l'altro giorno, una del centrodestra oggi. Credo - ha concluso il presidente della Regione siciliana - che in maniera molto positiva e costruttiva si sia parlato l'altro giorno e si interverrà anche oggi”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati