Dirigenti regionali, i nuovi incarichi saranno a tempo

Stabiliti i criteri per il conferimento delle posizioni dirigenziali all'interno del dipartimento della Funzione pubblica

PALERMO. Sono stati stabiliti i criteri per il conferimento degli incarichi dirigenziali all'interno del dipartimento regionale della Funzione pubblica e del personale dell'assessorato delle Autonomie locali e della Funzione pubblica.
Il provvedimento, firmato del dirigente generale, Giovanni Bologna, e frutto della concertazione con le organizzazioni sindacali, sancisce il principio della rotazione degli incarichi per garantire la più efficace ed efficiente utilizzazione delle risorse e per favorire lo sviluppo della professionalità dei dirigenti. La permanenza nello stesso incarico avrà una durata compresa tra 4 e 6 anni.
Quattro i criteri generali individuati per il conferimento. Il nuovo incarico, tranne una valutazione negativa, infatti, dovrà essere almeno equivalente a quello precedente, ovvero la retribuzione non potrà essere inferiore al 10 per cento. Si dovrà, inoltre, tenere conto della natura e delle caratteristiche degli obiettivi prefissati, delle attitudini e capacità professionali del singolo dirigente, anche in considerazione dei risultati ottenuti in precedenza, nonché delle esperienze di direzione eventualmente maturate all'estero, presso il settore privato o altre amministrazioni pubbliche. Infine, ultimo criterio, la complessità della struttura interessata.
"In questo modo - afferma l'assessore Chinnici - saranno salvaguardate le professionalità dei dirigenti della Regione, assicurando, quindi, efficacia ed efficienza all'azione amministrativa e garantendo, nel contempo, gli stessi dipendenti".  
La procedura di conferimento degli incarichi sarà preceduta da una fase di pubblicità in cui i dirigenti di tutti i rami di amministrazione della Regione potranno presentare un'istanza secondo i tempi e le modalità stabilite dal dirigente generale. L'avviso dei posti a disposizione dovrà essere effettuato almeno 15 giorni prima della scadenza del precedente incarico e dovrà restare pubblicato sul sito istituzionale della Regione e nella banca dati del ruolo unico della dirigenza, detenuta presso il dipartimento della Funzione pubblica e del personale, per un periodo minimo di due settimane.
I dirigenti interessati dovranno comunicare la propria disponibilità a ricoprire uno o più incarichi e la valutazione sarà fatta dal dirigente generale. Qualora per lo stesso incarico ci siano più richieste, a parità dei requisiti previsti dal decreto, si terrà conto della maggiore anzianità posseduta nella direzione dell'ufficio che si intende assegnare. Assicurato anche il principio di pari opportunità fra i dirigenti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati