Ai domiciliari tenta il suicidio, salvata dai carabinieri nel Catanese


SCORDIA. I carabinieri hanno  salvato una donna albanese di 23 anni agli arresti domiciliari che a Scordia, in provincia di Catania, ha tentato di uccidersi ingerendo una massiccia dose di psicofarmaci. I militari sono intervenuti dopo una  telefonata del legale della donna, insospettito dagli  atteggiamenti della sua assistita. La ragazza, arrestata nei  giorni scorsi per tentativo di estorsione dai carabinieri di Lentini (Sr), è stata trovata a letto in stato di incoscienza  e con accanto un barattolo di psicofarmaci vuoto. I carabinieri hanno chiesto l'intervento di una ambulanza del  118, che ha trasportato la giovane prima nell'Ospedale di  Militello Val di Catania e successivamente nel reparto  Psichiatria dell'Ospedale "Vittorio Emanuele", dove la donna  si trova ora ricoverata al regime degli arresti  domiciliari.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati