La statua della "vergogna" divide Niscemi

Una scultura che raffigura un emigrante nudo, donata dal Rotary club al Comune, da giorni è al centro dell'attenzione. La scorsa notte è stata coperta da una pezzo di stoffa

Niscemi. A Niscemi da alcuni giorni  suscita pareri contrastanti l'inaugurazione in viale Mario Gori  di una statua raffigurante un emigrante nudo. La scultura,  donata dal Rotary club al Comune, è stata dedicata alle  migliaia di cittadini di Niscemi che nei decenni scorsi sono  stati costretti a partire per trovare lavoro in altre regioni e  nazioni. La scorsa notte, però, qualcuno ha avvolto un pezzo di  stoffa nero attorno alle parti intime della statua, chiuso con  spille da balia. Nei giorni scorsi la collocazione della statua  aveva suscitato indignazione in alcuni abitanti; altri non hanno  condiviso il restringimento di viale Gori causato dal  piedistallo su cui è collocata l'opera. Stamani, poco prima di  mezzogiorno, il panno nero è stato rimosso

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati